Pubblicato il

Come accedere alla detrazione fiscale stufe a pellet

Come accedere alla detrazione fiscale stufe a pellet

Come accedere alla detrazione fiscale stufe a pellet.

Decreto Ministeriale del 16 febbraio 2016 . Programma di incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili destinato a privati e pubblica amministrazione è entrato nella nuova dimensione: è il Conto Termico 2.0.

Oggi con il CT 2.0 l eccellenza viene premiata con una procedura più semplice, veloce e conveniente: già a pochi mesi dalla installazione.
e, se il premio complessivo è inferiore a 5000 , l incentivo viene erogato dal GSE alla prima e unica soluzione!

COME SI ACCEDE AGLI INCENTIVI

La tipologia di intervento incentivabile viene definita nel decreto all art.4, comma 2, lettera b (codice intervento 2B come da art.7) come segue:

La SOSTITUZIONE.
Il concetto fondamentale nella applicazione del decreto: per accedere agli incentivi è necessario che la tua nuova stufa Spytek  venga installata in sostituzione di un vecchio generatore del tipo : generatore  di calore alimentato a biomassa, gasolio, olio combustibile o carbone per il quale dovrà essere completata la procedura di fine vita.

CALCOLO DELL’INCENTIVO

L incentivo, il cui ammontare massimo è dato dal 65% delle spese sostenute e definite nello stesso decreto, è il prodotto di un preciso calcolo matematico che tiene conto di 4 elementi fondamentali come : 

LA POTENZA INSTALLATA

L incentivo cresce  aumentando in base  alla potenza installata, ma è esiste un vincolo alla applicazione del CT 2.0 ovvero : la potenza del nuovo generatore non dovrà superare quella del prodotto sostituito di più del 10%. Se negli anni, però, hai ampliato la tua casa aumentandone il fabbisogno termico., è concesso il superamento. Tutto questo  grazie al solo intervento di personale qualificato che attesti la nuova richiesta energetica dell abitazione.

Come accedere alla detrazione fiscale stufe a pellet ?

LA TIPOLOGIA DI GENERATORE

In accordo con le normative europee che regolano il settore, il Conto Termico 2.0 individua delle categorie di prodotto ed a ciascuna di esse riconosce un diverso incentivo a parità di potenza installata: all interno della gamma con accesso al CT 2.0 non esiste un vincolo per la scelta del prodotto, bensì, a fronte di diversi obblighi installativi, esistono diverse opportunità per la scelta di una caldaia o di una termo stufa.

LA ZONA CLIMATICA

La qualità  DELLE EMISSIONI

Attraverso un coefficiente premiante dipendente dal valore delle emissioni di polveri, l incentivo base può esser maggiorato fino al 50%

SCHEMA INDICATIVO ZONE CLIMATICHE ITALIANE (SECONDO IL d.p.r. 412/93)

Nota

Il testo riportato non è da ritenersi in alcun modo esaustivo per la descrizione della procedura per la quale si rimanda alla consultazione delle pagine dedicate appositamente al Conto Termico dal GSE – Gestore dei Servizi Energetici
ente unico delegato alla raccolta e al giudizio delle richieste di accesso alla procedura ivi minuziosamente descritta: www.gse.it

Si invita alla lettura degli allegati consultabili dai link presenti in questa pagina.

Decreto Ministeriale 16 febbraio 2016

Vademecum GSE

Detrazioni Fiscali 50/55%

Detrazioni Fiscali 50/55%

Estratto della Circolare n.2 inviata ai soci dalla  AIEL (Associazione Italiana Energie Agro forestali
www.aiel.it) che si ringrazia:

Sulla base delle ulteriori modifiche introdotte dal recente Decreto Legge 83/12 il quadro delle detrazioni fiscali è il seguente:

DAL 1 GENNAIO AL 25 GIUGNO 2012

Come stabilito dal D.L. sono ammesse alla detrazione del 50% le spese per il risparmio energetico per interventi qualificati come
relativi alla realizzazione di opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo all istallazione di impianti basati sull impiego delle fonti rinnovabili di energia. Le predette opere possono essere realizzate anche in assenza di opere edilizie propriamente dette
.

Quindi anche retroattivamente gli apparecchi domestici a biomasse dal 1 gennaio al 26 giugno 2012 possono usufruire della detrazione .

é possibile ottenere la detrazione del 55% ma solo per impianti termici sopra descritti, dimostrando il rispetto dei limiti obbligatori del raggiungimento del risparmio del 20% e la sostituzione degli infissi di tutta l unità immobiliare oggetto dell intervento, con quelli con il massimo grado di trasmittanza. Anche i tetti di spesa massima cambiano rispetto al 36%.

DAL 26 GIUGNO 2012 AL 30 GIUGNO 2013

Da questa data la detrazione del 36% per il recupero edilizio e il risparmio energetico diventano detraibili al 50% e il tetto di spesa passa da 48.000 a 96.000 euro.

Resta la possibilità del 55% nei casi sopra evidenziati fino al 31 dicembre. 

Pubblicato il

Modulo agevolazione iva per stufa a pellet

Modulo agevolazione iva per stufa a pellet

DICHIARAZIONE PER APPLICAZIONE ALIQUOTA IVA AGEVOLATA 4%
(punto 21 tabella A parte Seconda D.P.R. 26 Ottobre 1972, nr.633).
Il/la sottoscritto/a ………………………nato a ………………..il …………….residente a ……………………
In via ………………………..C.F.: …………………………., in qualità di proprietario dell’abitazione in
……………………………., via …………………………., in corso di costruzione
DICHIARA
1. di essere già residente nel comune di ubicazione dell’immobile ovvero di voler stabilire la propria
residenza   nel   comune   di   ubicazione   dell’immobile   in   oggetto   entro   18   mesi   dall’ultimazione
dell’immobile;
2. di non essere titolare, esclusivo o in comunione con il coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso o
abitazione di altra casa di abitazione nel comune dove è situato l’immobile acquistato;
3. di non essere titolare, neppure per quote di comproprietà o in regime di comunione legale, in tutto il
territorio dello stato, di proprietà, anche nuda, o di diritti reali di godimento, su altra casa di abitazione
acquistata con le agevolazioni sull’acquisto della prima abitazione.
Quanto   sopra   al   fine   di   usufruire   dell’aliquota   IVA   ridotta   4%   sulla   fornitura   di
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………………………. .
…………………, li………………..
(data) (luogo)

In fede
(…………………………) 

Modulo agevolazione iva per stufa a pellet

compilarlo in tutte le sue parti e firmarla
– inviarla a mezzo raccomandata con ricevuto di ritorno al seguente indirizzo: via domiziana km23 mondragone.